Due donne, un cane morto e meggie: quando la Toce ha cambiato sesso?

Non c’è Val Formazza senza le centrali di Portaluppi – di altri, come quella di Ponte, degli anni Quaranta o di quella di Morasco, che già ho citato, del ‘57, e posta interamente in galleria. Non c’è Val Formazza, senza la Toce.

Eh già, la Toce. Percorrendo il sentiero dalla centrale di Sottofrua ora brulicante di giovani , e risalendo verso il ponticello sotto la cascata, si incontrano diversi cartelli con citazioni di scrittori che in passato, specie durante il grand tour, si sono imbattuti nelle cascate della Toce: Horace Bénedicte de Saussure che fa un lungo pistolotto concludendo che sono panorami come quello che fanno venire in uggia al viaggiatore la pianura ( ma va, Horace? E neppure vivevi a Calcutta on the Tanaro); Ruskin che fa il romantico, stelle, chiaro di luna e acqua che scorre; Wagner che ricorda di aver mangiato arrosto di marmotta (vabbè…); Rigoni Stern e le notti nella neve prima della campagna di Russia. Tutti parlano della Toce, e qui mi domando: quando ha cambiato sesso?

Per carità, è la solita questione di lana caprina per cui abbiamo la Bormida e il Bormida, la Bormida tradizionalmente, il Bormida se diamo per scontato che nel mezzo ci sta il fiume ( conosco grammar nazi che fanno le pulci per molto meno). Però noi Mandrognistani dicendo a Bourmia intendiamo alla Bormida. Qui in giro ho sentito dire, e trovato scritto, sempre il Toce

Quindi la Toce è un fiume transgender? ussignur pensate se lo vengono a sapere Adinolfi e Pillon, che già saranno incazzati per la valanga di medaglie che abbiamo preso alle Olimpiadi ( devo ripeterlo, che il sito non è la cronaca della mia vita minuto per minuto come i Vangeli non sono il racconto della vita di Gesù minuto per minuto ? E questo lo dicono i teologi)

In ogni caso quello che colpisce davvero, dai dipinti che raffigurano le cascate, è la portata d’acqua incommensurabile con quella attuale molto ridotta per lo sfruttamento idrico, ma anche per la sparizione dei ghiacciai in quota, come quello del Gries, che ormai si è ritirato tanto da permettere nuovamente il passaggio al passo del Gries, rimasto impercorribile per tutta la cosiddetta piccola glaciazione.

Dall’alto o dal basso le cascate sono comunque l’attrazione più interessante ( e per salire più su, temo dovrò tornare da sola e ammazzarmi di fatica più avanti)

Informazioni su alpslover

camminatrice e scrittrice, insegnante e madre - di - gatto, moglie scoordinata e ricercatrice, vive nel profondo nord.
Questa voce è stata pubblicata in Alpi, cazzeggio, escursioni, Ossola, Uncategorized, Val d'Ossola e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.