Divulgare al mondo

Allora, oggi è andato in onda, per così dire il secondo episodio del podcast. Come ho detto, ce ne saranno dieci. Non avete scuse, ci sono possibilità per tutti i gusti, e per ogni supporto:

Apple: https://podcasts.apple.com/it/podcast/alpslover/id1503248441 o dall’app Podcast sul telefono, basta scrivere Alpslover dove c’è la lente d’ingrandimento

Pocket casts https://pca.st/gmst1jej 

Breaker https://www.breaker.audio/alpslover

https://podcasts.google.com/?feed=aHR0cHM6Ly9hbmNob3IuZm0vcy8xNWVkZWUwNC9wb2RjYXN0L3Jzcw%3D%3D  – Google podcast (per Android – anche qui c’è l’app da telefono

Radio republic https://radiopublic.com/alpslover-G3OQjv

https://open.spotify.com/show/4228Nu0PSDjBpC2MczSWPT e last but not least Spotify, per chi ha l’app.

Ah l’applicazione madre è sempre Anchor http://anchor.fm/alpslover

Divulghiamo il verbo

Pubblicato in #postserio, podcast | Contrassegnato | Lascia un commento

Non sarebbe settembre senza

San Michele di Pagana

Che estate sarebbe senza il mare? Ora, lo so, state su un sito che si intitola A sentimental journey through the Alps e giustamente potreste pensare wtf? ( che se sapete l’inglese non devo tradurre, se non lo sapete non avete mai guardato una serie americana in vita vostra). Comunque è da luglio che la mia amica Lulù me lo ripeteva. Mentre stavamo andando in montagna, per dire. E questo è un paese di santi poeti, ma soprattutto navigatori, che ha affrontato serenamente la seconda ondata di Covid pur di andare al mare. Ora, al mare in agosto adesso non ci andrei nemmeno in situazioni normali e nemmeno se Briatore mi desse dei soldi di persona ( a quattro anni non potevo vivere senza la spiaggia e infatti in quei tempi felici facevamo un mese al mare e uno in montagna, grazie al fatto che i miei genitori avevano le ferie contemporaneamente); a settembre tuttavia si può ragionare; e così visto che Luisa non era riuscita ad andare al mare, quando io ero andata a godermi l’ultimo sole di Courmayeur, perché l’altra sua amica l’aveva lasciata a piedi all’ultimo momento – e si era pure sentita dire eh ma Antonella non è venuta, però, risentendosi non poco, perché , appunto da luglio avevo messo in chiaro che a settembre, se riuscivo ad avere le ferie (a proposito , grazie, le ho avute) sarei andata a camminare in montagna.

Comunque, passare un week end lungo al mare a settembre non è proprio una circostanza sfavorevole e ho lasciato che Lulù prenotasse un alloggio, la Cà d’Aristide, a San Michele di Pagana. Per chi conosce il Tigullio San Michele è nel mezzo: a esattamente venti minuti di strada a piedi puoi arrivare a Santa Margherita come a Rapallo. La Cà d’Aristide è a un minuto di strada dalla spiaggia, ha il cortile per parcheggiare dove stazionavano due gatti (Sono i gatti della casa, ci ha detto la vicina , e infatti avevano ciotole e pure la cuccia) e una bella terrazza. Io ho prospettato una serie di belle camminate per quando non saremmo state in spiaggia, e non ne abbiamo fatta nemmeno una, abbiamo camminato in lungo e in largo tra Rapallo , Santa e Chiavari, posti di cui ho un ricordo piacevolissimo dall’infanzia, in cui torno poco (ricordate che il basso Piemonte è rimasto immobilizzato dai lavori sull’A26 in modo tale che per far sessanta km ci volevano due ore), e che sono sempre felice di vedere, comunque siano ridotti – Rapallo, rispetto al passato, per dirla con la generalessa (una mia lontana parente Galanzino) che abitava dove c’è la fontana delle rane “è proprio giù”.

E poi, signori, lunedì mattina alle nove, in spiaggia c’eravamo noi, le anatre che si vedono in foto e i pesci (tanti – non ricordavo di aver nuotato in mezzo ai pesci, in mare, da anni, e non così vicino a riva). E nessuno. E l’acqua (nonostante il temporale della notte prima) non era nemmeno fredda.

Pubblicato in #postpocoserio, cazzeggio, turismo | Contrassegnato , | Lascia un commento

C’è sempre un lato di troppo

Anche nel Monte Bianco, in realtà, nel giro del Monte Bianco, che è probabilmente un cammino / trekking – un giorno o l’altro dobbiamo anche parlare di questo – tra i più famosi, c’è un terzo è un quarto lato.

Un terzo o un quarto

Nel corso degli anni, ho percorso le varie tappe del tour di Mont Blanc, si dal lato francese sia da quello italiano. I due Balconi della Val Veny e della Val Ferret, compreso un tratto nuovo e recente legato alla costruzione del rifugio Bonatti, in Francia le Grand Balcon Nord e Sud, il col de Balme e il col de Voza. Cosa manca? Mi mancano due pezzi, per completare il cerchio o il rettangolo ( se si guarda la mappa in effetti mi mancano i due lati corti del rettangolo)

Da cammini.it

I due pezzi che mancano si trovano in zone abbastanza remote. La più remota è quella in partenza da Nôtre Dame de la Gorge e arriva al col di Bonhomme (e volendo ci sono altri due colli, la Croix du Bonhomme o le Fours che si possono completare per arrivare al col de la Seigne, da cui si arriva aCourmayeur). Il col de la Seigne e il balcone della Val Veny sono stati i primi due pezzi del tour che ho fatto, ormai moltissimi anni fa. Il col de la Seigne tra l’altro lo feci in un agosto di tantissimi anni fa ( ero ancora universitaria) in cui trovai nevai sotto la cima la prima settimana di agosto, e ricordo che il ritorno fu abbastanza lungo e faticoso, adesso, dovendo aggiungere un’ulteriore ora di strada, sino a LaVisaille, sinceramente non so se me la sentirei (non se la sono sentiti nemmeno i miei cugini, in realtà)

L’altro lato è quello Svizzero, in cui io non mi sono mai avventurata. Qui c’è un luogo famoso…la Fenêtre d’Arpette, un intaglio roccioso al di sopra del col de Forclaz, da dove, mi dicono, si gode di un’unica vista sull’intero massiccio. Ho fatto un pezzo della strada, sino alla buvette, e il primo tratto di salita, un pomeriggio, quindi sapendo in partenza di non poter fare le due ore e mezza e rotti di strada. Varie persone cui ho chiesto lumi me l’hanno sconsigliata, dicendomi che è lunga e spaccagambe. Così sono andata a vedere una possibile alternativa a Champex, Val Ferret svizzera. Il posto è davvero rilassante, come tutti i laghi- e deve essere molto pescoso perché ho visto pescatori con tanto di tavolino, termos e ogni genere di conforto.

L’alternativa, comunque è via Bovine , ed è lunga, ma forse non così erta. Merita un controllo sul nuovo libro che ho comperato (la guida migliore resta sempre quella vecchia di Alp)

Pubblicato in camminare, Monte Bianco, trekking, Uncategorized | Contrassegnato , | Lascia un commento

Fine estate

In realtà, la foto del parco Bollino, è stata scattata ieri, prima che arrivassero i ragazzini ad assembrarsi.

La temperatura è decisamente estiva, la giacca è rimasta in auto a scaldarsi, e io mi sono fatta perdonare dal cugino piacione, che ho colpevolmente trascurato . E anche a lui Courma piace, senza contare che la particolare luce di fine estate è magnifica, e durerà ancora a lungo.

Poi nel week end 12/13 – quindi siete ancora in tempo, c’è boutiquenville, il fora totte della tradizione, dove negli eleganti banchi allestiti in via Roma e dintorni, potete comperare un altro maglioncino di cachemir o un kilim ( io quelli guardavo poi mi sono ricordata che ho ancora due tappeti da sistemare) , tutti di qualità eccellente. O scarpe, o articoli sportivi, o cose per la casa. Anche lì, ho cercato di controllarmi.

Tasso di assembramento notevole, ma mascherine obbligatorie all’interno della fiera nella zona pedonale che è transennata, e protezione civile a far rispettare. Notevole.

Pubblicato in attualità, camminare, camminare in città, Courmayeur | Contrassegnato , , | 1 commento

Scoperte

Per una come me che frequenta la val d’Aosta da quando era bambina non dovrebbero esserci, in valle dei segreti. Invece no. Anzi, man mano che ho approfondito la mia conoscenza mi sono resa conto che ci sono tantissimi luoghi che non conosco. E quindi che ci sono ancora tante possibilità di esplorazione.

Approfittando della vacanza di settembre, e del tempo meraviglioso di questi giorni, sono andata a cercare luoghi che non conoscevo ancora, o che non conoscevo più, come le cascate del Rutor, che avevo visto da bambina.

E ho scoperto un luogo meraviglioso, il plateau di St. Barthelemy, uno splendido terrazzo al sole affacciato sopra Nus, dalla cui frazione principale, Lignan, si ha una splendida vista sulla valle. A Lignan c’è anche l’Osservatorio astronomico (visita su prenotazione dal sito ), e per arrivarci c’è una “passeggiata astronomica” in cui i cartelloni spiegano il sistema solare – molto carina se siete con bambini, poi li portate nell’area giochi. La chiesa di St. Barthelemy è molto graziosa e ha anche un piccolo museo di arte sacra lignea. Io mi sono limitata a una camminata breve sino ad alcuni casolari sopra il paese (era un giorno di postumi strani, da cosa intestinale anche più strana), ma la signora Barbara dell’hotel Dolonne mi ha consigliato, un’altra volta, di preparare l’escursione al santuario della Madonna della Neve di Cuney da Porliod, avvertendomi che è lunga, ma che si viene ripagati dal luogo e dal panorama.

Una descrizione dell’Itinerario si trova anche sul sito della regione Lovevda che racconta anche la storia del luogo.

Tasso di assembramento a Lignan: solo cicale (anche alle cascate del Rutor in effetti non c’erano le folle)

Pubblicato in camminare, escursioni, inmontagnadognicosto, Uncategorized, Val d'Aosta | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Venti più venti più…

Se vi sembra che io sia passata da A a B senza soluzione di continuità, vi prego di ricordare che questo è un magazine non un diario, e ha tra l’ultimo articolo e questo, sono passati tempo e rogne di vario genere.

Tutti vanno in montagna, e per tornare qualche giorno qui a Courmayeur gli amici dell’Hotel Dolonne hanno fatto i salti mortali. Buon per loro ovviamente, che all’inizio dell’ estate non facevano troppe previsioni: d’ altro cento questo è uno degli hotel con il miglior rapporto qualità prezzo del circondario

Poche cose amo di più della montagna di fine estate, specialmente per i giorni limpidi , i cieli da cartolina, la temperatura piacevole ma non troppo calda, e quindi avevo in programma qualcosa di tosto. Senonché negli ultimi giorni non sono stata proprio in forma( niente di riconducibile a ciò che ci fa più paura, piuttosto un misto sinusite problemi di stomaco, abbastanza diffuso, eh sì finisce l’estate e cominciano a circolare cose), così ho un po’ ridimensionato gli ideali e sono partita per una classica escursione della Valdigne, le cascate del Rutor, che come tutti avevo fatto bambina, venti più venti più un po’ anni fa .

Un itinerario classico e non lunghissimo, che da una frazione di La Thuile, La Joux, porta in un quarto d’ora circa al primo salto, poi risale il risalto roccioso in un’ora sino al secondo salto, mentre il terzo e ultimo è a soli cinque minuti. Secondo cartellonistica, da prendersi sempre con le molle, un’ora e venti di strada per circa seicento metri di dislivello.

All’itinetario classico si è affiancato in anni recenti il cosiddetto sentiero del centocinquantenario, dedicato all’Abbé Chanoux, sacerdote botanico alpinista di fine Ottocento, che con un aereo ponticello attraversa la terza cascata e percorre l’altro versante sino alla prima cascata, costituendo il cosiddetto anello delle cascate.

To cut a long eccetera, ho sbagliato strada. Dopo il primo salto, la pausa e le foto di rito, ho proseguito lungo il sentiero, attraversato un ponticello e ho cominciato a salire, e a salire: una valletta, uno sperone roccioso, un’altra valletta un secondo sperone roccioso, con il torrente che ora si avvicinava, ora si allontanava, sempre comunque nel fitto del bosco. Per fortuna, direi. Sotto il sole, una serie ininterrotta di gradini, scavati nella roccia, tra le radici degli alberi o proprio d’acciaio per risalire un risalto, sarebbe stato tremendo. Io odio le scalinate. Soprattutto non tornavano i tempi, alla fine avevo camminato per due ore e non c’era traccia o indicazione delle cascate. A quel punto avevo la certezza di essere fuori strada, confortata nella cosa da un gruppo di tre volte ventenni che stavano scendendo (ma anche l’altra strada è dura- d’accordo ma magari è più diretta)

Poi come sempre la conoscenza mi è venuta in aiuto, sotto forma di cartello indicatore ( prima nemmeno un segnavia) indicante Alta via n.2. 0,1 minuti. Come sa chi segue il Tor ( che non ci sarà) o so leggere una cartina, l’Alta via n.2 va al Deffeyes, e quindi di necessità alle cascate. Così ho riattraversato e mi sono trovata davanti a un altro cartello: II cascata 35’, III cascata 40’ – dopo aver camminato due ore. Mi sono fermata a mangiare.

Comunque , la tempistica era abbastanza corretta: 45 minuti alla seconda cascata ( con le gambe bell’e tagliate) e cinque minuti alla terza, che è la più spettacolare, dove la potenza degli spruzzi è tale che ti puoi fare tranquillamente la doccia – una pacchia. Al ponticello arrivava gente abbastanza stremata ( anche due spagnoli simpatici con cui ho fatto due chiacchiere si chiedevano se quella fosse la strada buona. Scendere, per chi come me non è un capretto saltellante, è stato più o meno come salire. Un’ora e mezza. Però, avendo ormai preso l’abitudine, mi sono fermata in una bella spiaggetta e ho messo i piedi a mollo della Dora. Nuotare, meglio di no. Ma che bella botta di freddo, però, altro che percorso Kneipp!

Pubblicato in camminare, Courmayeur, escursioni, inmontagnadognicosto, Monte Bianco, Uncategorized, Val d'Aosta | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Tutti i lati del lago

Di solito ci si dimentica del fatto che il lago di Garda ha… tre lati e che la punta è in Trentino.

Ecco Riva in tutto il suo splendore, anche se, anche qui, a qualche cosa abbiamo rinunciato perché le code ( e quindi la mancanza di distanziamento ) erano palesi. Abbiamo rinunciato al bastione panoramico sopra la centrale elettrica, su cui hanno costruito un ascensore panoramico che è in funzione, almeno in estate, sino alle 23.30, e viene illuminato con il tricolore. La spiaggia era piuttosto affollata e anche i locali più in voga nel centro storico. Abbiamo scoperto troppo tardi la strada del Ponale ( ma è una ragione buona per tornare) e abbiamo fatto invece la pedonale tra Riva e Torbole, che è parte pedonale, parte ciclabile… Luisa era sicura di averla percorsa con il suo ex compagno, io conoscendolo non ci avrei scommesso, e solo dopo essere arrivate al tunnel sotto il forte Garda – più o meno il confine tra le due località, ha deciso di tornare indietro ( e di andare a cenare a Torbole , nel suo delizioso centro storico, usando la macchina, che avevamo lasciato alle terme romane). Un consiglio: non so che itinerario vi fa fare Google maps, che ha idee tutte sue sul tragitto più diretto, ma i segnali stradali che che indicano la strada da Riva a Torbole sono come minimo illogici ( e voglio essere gentile: seguendo le indicazioni siamo finite praticamente ad Arco). Se passeggiate per la parte antica di Riva, cercate le vie del vecchio ghetto, che riporta in vita le tradizioni commerciali di una città di confine (prima di diventare una sorta di Riviera dell’Impero).

Un certo qual sapore tedesco nel tutto, e turisti a profusione.

Pubblicato in Laghi, Uncategorized | Contrassegnato , | Lascia un commento

Noi, solo noi: di limoni e di limonaie e anche altro

In realtà potremmo intitolare questo articolo: Ciclopedonale fantastica e come (non) trovarla.

La vera bellezza di Limone, il cui nome non deriva dalle piante per cui è ancora oggi famosa, ma probabilmente dalla pietra o roccia che la sovrasta e fa da confine, sono proprio le viuzze del centro storico, abbarbicate nella roccia, in cui si possono ammirare scorci spettacolari sulla baia, specie dalla piccola chiesa di San Rocco che si vede anche in foto. Anche il lungo lago, con le varie spiagge è molto piacevole, specie la sera. Le due volte che siamo andate in spiaggia abbiamo trovato un accettabile distanziamento ( sulle spiagge di Riva, ad esempio c’era molta più folla, e molta meno gente con mascherine e affini). Nel centro inoltre, se si ha voglia di shopping, ci sono molti negozi di livello e di qualità, forse non lussuosi come a Salò, ma non trappole per turisti – da questo punto di vista la sponda veneta è un po’ più cheap ( non di sole escursioni vive l’uomo, o meglio la donna)

Una sola cosa mi ha lasciato un po’ perplessa, e mi piacerebbe sapere chi ha avuto la geniale pensata: la maggior parte delle decorazioni floreali pubbliche, a prima vista molto belle e colorate, a uno sguardo un po’ più attento si rivelano…finte. Ma perché?! Capisco che la manutenzione del verde pubblico sia costosa, ma se c’è un luogo in cui la vegetazione è evidentemente lussureggiante è proprio il Garda – in ogni sponda.

Ad ogni modo, l’altra attrazione di Limone, dopo le limonaie, il lago e il centro storico, è la ciclopedonale del Garda, sospesa nel vuoto. Se ne parla ovunque, è lunga circa due km e parte da capo Reamol. Il problema è arrivare a capo Reamol, perché sono sei km circa dal paese, dove si deve lasciare l’auto in uno dei parcheggi a suolo o nel grande multipiano ( caveat: in alta stagione i posti sono esauriti entro l’una) e raggiungere il capo o a piedi, o in bici, o facendosi portare da uno dei baracchini tuc tuc – a dispetto del nome pittoresco sono Ape con il cassone aperto – a prezzi non proprio modici. Lungo la Gardesana ci sono esattamente sette posti auto legittimi, più qualche buco di straforo. Mezzi pubblici pressoché inesistenti.

Secondo caveat: è al sole tutto il giorno. Per cui in alta stagione se come me non siete amanti del sole a picco, non vi resta che la mattina presto o il tramonto. Poi di gente passando sulla statale ne abbiamo vista molta, con i soliti fachiri che correvano spediti e convinti. Noi siamo arrivate a capo Reamol di sera passando tra ristoranti e suggestive limonaie ancora in esercizio, siamo andate e tornate a piedi sino al parcheggio ed è una bella camminata. Ovvio che per l’ora non abbiamo proseguito. La passeggiata è comunque illuminata. Nell’attesa che il comune di Limone inauguri una necessaria operazione navetta, abbiamo decise di attendere la bassa stagione e temperature più miti. La passeggiata si ferma a un belvedere monumentale. Passeggiare per le gallerie della gardesana non è consigliabile. Un altro pezzo di strada panoramica parte da Riva, credo che l’idea prossima sia quella di collegare i due tronchi.

Il ponte lungo il torrente

Senza nulla togliere alla ciclopedonale, Limone, come Tremosine, è un vero paradiso per l’escursionismo. Ad esempio, il percorso lungo il torrente San Giovanni, con partenza al ponte monumentale presso la statua di San Giovanni Nepomuceno, che si interseca con il percorso naturalistico, sino a una seconda cascata, è molto piacevole, fresco e all’ombra, come potete vedere.

Pubblicato in bicicletta, camminare, escursioni, Laghi, Lombardia, Uncategorized | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Un altro piccolo paradiso: Tremosine

Per salire a Tremosine dalla Gardesana, bisogna fare una bella curva a gomito e infilarsi nella famosa strada della forra (attenzione, è a senso unico, si può fare solo in salita sino alle 19), panoramicissima – e abbastanza pericolosa se la percorrete a piedi e in bici, perché lo spazio è davvero poco. Dopo un bel po’ di tornanti, gallerie , grotte e canyon si arriva a Pieve, la prima e la più importante delle frazioni che compongono il comune di Tremosine. Dalla piazzetta ci si può perdere nei vicoletti e cercare scorci panoramici verso il lago. Alcuni belvedere sono all’interno di ristoranti come la Terrazza sul Brivido – dove siamo arrivati dopo un temporale e il responsabile non ci ha fatto entrare perché si era raggiunta la capienza massima di persone per non creare assembramenti. E’ stato gentile, noi siamo tornate in macchina e un po’ di gente invece lo ha mandato a quel paese, ma non era di certo colpa sua – c’era la Polizia locale e questo voleva dire che da queste parti i controlli ci sono e sono frequenti.

Basta spostarsi più in là, alla chiesa di San Giovanni o in piazza Cozzaglio per godersi un belvedere privo o quasi di limitazioni (ma sulla piazzetta sino a poco tempo fa si entrava al belvedere contingentati e con mascherine obbligatorie). All’interno la molto pittoresca Scala tonda, dove andava a meditare proprio Arturo Cozzaglio, il progettista della strada “ che ha strappato Tremosine dall’isolamento secolare”, come si legge sul cartello esplicativo . Adesso con il sistema di sensi unici gli abitanti non sono proprio felicissimi, almeno quelli con cui abbiamo parlato, ma non credo che allargare la strada sia la soluzione.

Comunque anche Tremosine ha il suo Sito in cui si trovano tutte le informazioni sulla sentieristica, noi in realtà volevamo scoprire le frazioni (17) che compongono il paese e i nostri km c’è lì siamo macinati in altro modo.

In realtà venendo da Limone, a Pieve ci siamo arrivati alla fine e la strada della forra l’abbiamo percorsa un altro giorno, grazie al navigatore che era evidentemente al corrente delle limitazioni del traffico. Il primo luogo in cui cisiamo imbattuti è stato Voltino, con la sua chiesetta e anche da lì un notevole panorama

Nuvoloni in arrivo a Voltino

Da lì abbiamo raggiunto la frazione più alta, Vesia, dove siamo stati raggiunti da una grandinata e abbiamo perso il secondo belvedere, e la possibilità di un’escursione o almeno di un pezzo di escursione nella vicina zona di interesse naturalistico. Se non possono le gambe, poteva, forse il caseificio del Garda, ma anche lì abbiamo perso la strada a Voiandes e ci siamo trovate più o meno in mezzo a un campo, dove abbiamo potuto girare entrando nel cortile di una casa, cosa che deve accadere spesso perché un paio di persone ci hanno lanciato un’occhiata assolutamente indifferente.

E da lì siamo poi ridiscese, cioè siamo tornate indietro a Pieve, e abbiamo mangiato ai borsi di una splendida piscina , in un locale che si chiama 3Mozin, che consigliamo in tutti i sensi, si mangia bene, la piscina è spettacolare e il padrone ci ha raccontato le vicissitudini dei sensi unici.

Il sentiero escursionistico più noto è il 141 (EE) che parte proprio sotto il belvedere e arriva al lago, ma ai vai uffici turistici ci sono persone che sanno spiegare tutti gli itinerari (per noi, la simpatica ragazza di Voltino)

Pubblicato in camminare, Italia, Laghi, Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Noi solo noi ( just another day in Paradise)

Con  Il Giornale di Brescia  e L’Adige che sparavano a titoloni TUTTO ESAURITO SUL GARDA capite bene che il nostro Ferragosto è stato per forza alternativo. Per cui il suggerimento di oggi prendetelo per quando la folla sarà meno … folla. Quando ci siamo andati noi, è stato veramente come scoprire un angolo di Paradiso: il lago di Ledro, a due passi da Riva, facilmente raggiungibile con una bella strada, offre tutto. Per iniziare, è circondato da spiagge, sorvegliate, sufficientemente ampie sia di prato e ciottoli, sia di rocce e scogli, con un bell’ angolo anche per gli amanti dei cani e bar alberghi e campeggi. Fare il bagno nel lago è spettacolare, l’acqua è limpidissima, e si nuota tra le trote. In una giornata molto calda quell’acqua è davvero invitante.

C’è poi un sentiero bordolago di una decina di km. Che si può facilmente percorrere sia in bici sia a piedi. Come avrete capito quest’anno siamo un po’appiedate, perché Lulu si è presa una brutta distorsione un paio di settimane fa e ha ancora la caviglia gonfia, quindi siamo più o meno zoppette, perché sforzare la caviglia non è una buona idea ( come chi scrive sa bene avendo passato capodanno del 2018 con la caviglia all’aria), quindi le nostre escursioni sono più che altro passeggiate. Però lo ammetto io ero proprio molto carica…

Abbiamo percorso tutta la valle di Ledro, scoprendo che a pochi km di distanza si trova Bezzecca, che   è il luogo in cui Garibaldi ottenne l’unica nostra vittoria durante la Terza Guerra d’indipendenza ( o Terza Guerra italiana come dicono quelli dall’altra parte). C’è abbastanza ovviamente l’indicazione di un piccolo museo garibaldino ( ma altro non so dire). Prima di arrivare al passo Ampelo c’è ancora una bella zona  umida. Dopo la strada scende in modo abbastanza vertiginoso ( e con un piccolo belvedere su orrido) sino a Storo. Siamo nelle Giudicarie, e il paese, che ha splendide dimore antiche, è abbastanza evidentemente in stato di semi abbandono. Molto triste.

Tanto che abbiamo girato la fida Giulietta e siamo tornate a cena a Riva, con le sue eleganti dimore patrizie, e noi in calzoncini da escursionismo ( sfacelo su sfacelo, insomma)

Pubblicato in allenamento, bicicletta, Dolomiti, escursioni, Laghi | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Si può sempre essere alternativi

Cosa hai fatto a Ferragosto? Sono andata in spiaggia

Come si vede tasso di assembramento accettabile (dietro ci sono bambine cinesi che starnazzano- credo trovino l’acqua fredda)

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento