Ritorno alla base VI Se Courmayeur piange , Chamonix non ride

La stessa conversazione che ho avuto con Giorgio Passino l'ho ripetuta il giorno dopo alla Compagnie de Guides de Chamonix. Dove però le guide mi hanno assicurato che ancorché più secche e quindi più tecniche erano tutte perfettamente percorribili. Mi è sembrato che fossero volutamente ottimistici. Certo la città era come al solito/ più del solito piena di gente ma prima di scendere io avevo fatto un salto allo chalet di Cerro e guardando dall'alto il Glacier des Bossons non è messo proprio bene, si è ritirato ed è crepacciatissimo
Cercare di ridurre il problema non è la soluzione, anche se probabilmente gli oligarchi russi e arabe di qua e di là del tunnel non se ne accorgono o quasi – basta vedere il nuovo e orrendo 5 stelle che hanno costruito a Villair ( orrendo, per dire come l'edificio della farmacia a Verrand , un buon esempio di edilizia anni Sessanta priva di qualunque buon gusto e buon senso)
Un mucchio di gente ma non in rue de Moulins

Informazioni su alpslover

camminatrice e scrittrice, insegnante e madre - di - gatto, moglie scoordinata e ricercatrice, vive nel profondo nord.
Questa voce è stata pubblicata in Chamonix, Courmayeur, escursioni e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.