Due donne, una Giulietta , per non parlar del cane I : a volte un panino

A volte un panino mangiato davanti a un paesaggio così è un lusso più grande di una cena da Cracco

Vedere gli stessi luoghi che sono stati i tuoi per tanti anni con occhi diversi oggi , anche quelli del cane Tobia, mi fa uno strano effetto di straniamento. È Ferragosto , il tempo è bello, siamo all'Achensee che è un classico ferragostano, non c'è vento o quasi, nemmeno molta gente, e abbiamo mangiato un panino sedute in meditazione su una panchina. Il panino viene dal buffet self service dell'hotel, perché se no si mangia troppo. Almeno tre dei miei cari scomparsi sarebbero inorriditi per ragioni diverse ( per la scarsa eleganza, o piccineria) ma credo, ormai, che si possa essere epicurei in modi diversi, in età diverse. O forse il mio modo di essere epicurea è camminare (alla fine cinque km più i meno- escludendo le divagazioni del cane) e un bel Campari sprizza, che si è piemontesi, infine ( per favore non perdiamoci in commenti su chi ha inventato il vermuth, chi il Campari, ecc.). Notazioni sociologiche: meno mussulmane velate, più ebrei ultraortodossi usciti straight from Mea Shear'im: boh. Notazione sociologica seconda: sulla lunga e bella ciclabile del lago l' ottanta per cento dei pedalanti sfreccianti a cento all'ora barava ( compresi gli ultraortodossi e i bambini): cioè aveva la batteria. Ce l'ha il cugino piacione e sfreccia intorno alla campagna del natio Mandrognistan lamentandosi quando la batteria non si è ben caricata …ora noi si è fatta la nostra bella camminata senza barare- per modo di dire, Luisa ha la camminata dopata dal segugio che tira, di solito in direzione opposta alla nostra. Però per favore non millantiamo pedalate che non ci sono

Informazioni su alpslover

camminatrice e scrittrice, insegnante e madre - di - gatto, moglie scoordinata e ricercatrice, vive nel profondo nord.
Questa voce è stata pubblicata in bicicletta, camminare, Innsbruck, montagna, Uncategorized e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Due donne, una Giulietta , per non parlar del cane I : a volte un panino

  1. lepadelleperdirlo ha detto:

    Quando torni, appena molla il caldo, andiamo a fare quella storia in val Borbera? Dal torrente la ferratina e poi fino a Roccaforte Ligure? Tu per allora sarai allenatissisma. … Io, lasciamo perdere. …. Il cugino piacione è riuscito pure a rompere la bici con la “pedalata assistita”, è questo l’eufemismo con cui è denominata! Non so come ha fatto….
    Ieri da Enrico ho provato la panca per fare gli addominali (l’ha comprata al Decatlon)…. e, come al solito ho esagerato ( ma erano solo 3 serie da 10 per pricinpianti!!!!!) e il risultato è che oggi ho lievemente male ad un lato del fobdoschiena… tipo inizio di sciatica….. A presto, goditi queste belle giornate in Tirol…. ‘sti ebrei ortodossi sono tremendi, io li pativo parecchio … specialmente le donne imparruccate… e quello che non ha voluto stringermi la mano perché ero impura! Cavolo! Per non esclamar di peggio! Hai visto in Svizzera cosa è successo nell’albergo dove c’erano gli ebrei ultraortodossi? Sarà razzismo, non lo metto in dubbio, ma fatevi almeno la doccia! (E questa frase non ditela a mia sorella, che poi magari non mi parla più insieme per 30 anni!)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...