Libera

Giorno uno: allora signora, la frattura si è saldata perfettamente, vada casa e si tolga il tutore (l’ortopedico) Come scusi ? (io) sì , basta strapparlo via (l’infermiere) ??!!(io, scoraggiata). In ogni caso, sì, il tutore è venuto via facilmente .
E il braccio a ciondolare pesantissimo e inerte. Senza contare le piaghe da decubito rimaste sotto il tutore. Tagliare la carne da sola? Non scherziamo. Aprire la porta del frigo? Sì, si può fare. Lavarsi i denti? Sì, anche questo. Alzare il braccio? Esageruma nen. Tenere la posizione della panca? Fantascienza. Prendere il gatto in braccio? Sì picci. Ogni movimento, un dolore.
Ma. Se penso al mio gomito dieci anni fa, ho fatto più movimenti oggi che allora in un mese di fisioterapia. E se vedo domani la stessa fisioterapista di allora, scappo a gambe levate.

Informazioni su alpslover

camminatrice e scrittrice, insegnante e madre - di - gatto, moglie scoordinata e ricercatrice, vive nel profondo nord.
Questa voce è stata pubblicata in allenamento, me e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Libera

  1. roberto ha detto:

    Se la vita durasse soltanto poche ore, la felicità avrebbe dalla sua una manciata di minuti e la parte del leone sarebbe del dolore.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.