In Mandrognistan. Il Natale preso sul serio 2

Probabilmente di più triste delle mie lucine c’è solo l’altrettanto triste luciona in via Dante. Non sapevo come disporle perché fossero cat -proof e visibili dall’esterno . Probabilmente non sono né l’una né l’altra cosa. E sono pure di design (pare) e le ho comperate su un sito internet di quelli fighi, dove c’è pure una meravigliosa poltrona di Calligaris, che è bellissima, costosissima e sembra anche comoda, il che in una poltrona di design non è necessariamente una conditio sine qua non. Tutti quelli che conosco e a cui l’ho mostrata mi hanno ingiunto di non comperarla. Il commento più comune è stato “pensa ai gatti”. Perché è di stoffa, e ovviamente sembra fatta apposta per essere promossa a grattatoio deluxe . Il loro grattatoio oltretutto è ancora nella vecchia casa. Conciliare montagna, gatti, trasloco (fateci l’abitudine, il #trasloco è destinato a essere un trending topic ancora a lungo. Molto a lungo. Infatti tutto il mio tempo libero da impegni lavorativi di sorta è impegnato nel fare -disfare scatoloni . Stasera, servizio da 12 di porcellana Bone China di Villeroy & Bosch, regalo di nozze di parenti assortiti miei e di Francesco. Solo che non scombero dai libri il davanti della credenza, non metterò via gli annessi e connessi (tazzine), e non farò l’albero di Natale. Al presepio quest’anno rinuncio… Lo sfondo delle mie lucine è il garage nel cortile del n.14 di fronte a me, e come dicevo la tristezza è tale che probabilmente farebbe paura al Krampusch, capitasse in trasferta dalle nostre parti (ma essendo un diavolone, mica è scemo). E poi, la mia vecchia miciona, lo metterebbe in fuga – ha messo in fuga un cane anni fa. E naturalmente ha espugnato la camera da letto in cui ormai mi rinchiudo per evitare marchiature sul plaid: ha buttato giù la porta (quasi) letteralmente. In fondo l’età e l’esperienza hanno i loro diritti.

Informazioni su alpslover

camminatrice e scrittrice, insegnante e madre - di - gatto, moglie scoordinata e ricercatrice, vive nel profondo nord.
Questa voce è stata pubblicata in cazzeggio, gatti, memoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a In Mandrognistan. Il Natale preso sul serio 2

  1. lepadelleperdirlo ha detto:

    Per la poltrona il mio consiglio è per adesso di temporeggiare, peima sistemiamo quello che si riesce con le forze che si hanno. Poi …… Poltrona!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.