Catastrofe digitale

Allora, in questo periodo a casa mia le macchine hanno dato forfait: il mio powerbook, forte della sua nuova megamemoria, mi è andato in crash due volte in due giorni (la prima volta è comparsa una stringa minacciosa di unix), giovedì ho sbattuto la minolta contro un albero ed è partito lo sportellino che tiene ferme le pile, è collassato un mobile fine ottocento ( sto ancora aspettando che il falegname mi richiami) e infine ho passato  lo stesso giovedì a chiedermi quando ho comperato le mie Tubbs e se era per quello che continuava a slacciarsi, anzi a scivolare giù, la cinghia che tiene fermo il tallone , il che nella neve alta non è proprio bellissimo  – le due ultime cose non sono digitali, ma vanno nel conto catastrofi.  Così anziché parlare di me e di quello che ho fatto (e ho fatto , finalmente), stiamo sulla notizia che ho sentito su radio rai sabato mattina mentre mi preparavo il caffelatte e la gatta premeva per il tonno (prima tonno, poi caffelatte). Nel programma sportivo che precede il giornale radio delle otto e dove di solti si parla di baseball o di hockey su prato o di altri sport minori ma bellissimi (minori perché campano senza quattrini), hanno intervistato Romeo Benet, il marito di Nives Meroi, che ha parlato della loro imminente partenza per il Kangchenjunga ( e sarebbero dodici, se tutto va bene, gli ottomila scalati da Nives).  A parte la considerazione di cui gode l’alpinismo in casa rai (in casa tv/ radio in generale, temo), la differenza tra le spedizioni commerciali miliardarie e l’essersi licenziato dalla Forestale perché non ce la faceva a concliare lavoro e spedizioni era a dir poco… raccapricciante, eclatante, scoraggiante? tutte e tre le cose.

Farò il tifo per Nives, naturalmente e spero che batta tutte le altre, anche se non è questo il suo scopo, e nemmeno il suo metodo. Spero che le batta proprio perché non è il suo scopo e nemmeno il suo metodo.

Per tutti, questo è il  il sito di Nives Meroi .

Informazioni su alpslover

camminatrice e scrittrice, insegnante e madre - di - gatto, moglie scoordinata e ricercatrice, vive nel profondo nord.
Questa voce è stata pubblicata in alpinismo, montagna e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.