Hyggebukser

Confort – maglietta

Se non sapete cosa significa la parola del titolo (io per altro non credo di saperla pronunciare), c’è un simpatico libro che lo spiega e che si intitola appunto Hygge: sono pantaloni che non vi sognereste mai più di mettere per via, ma che in casa indossate e come, e che sottosotto non buttereste mai via (con buona pace delle Marie Kondo di tutto il mondo). Io che in casa non metto comunque cose che porterei fuori (se le mettessi arriverebbe la neuro) ho però l’equivalente (probabilmente in danese ci sarò anche la parola)

La mia vecchia maglietta capilene di Patagonia, degli anni Ottanta, con qualche macchia che ormai non andrà più via o se preferite con un ingiallimento strutturale, rigorosamente da uomo, perché allora per Patagonia le donne non erano contemplate, e neanche adesso, dato che le taglie non rispecchiano più le donne normopeso, e figuratevi la mia, che è appena al di sopra, in effetti, ma come dire, la tartaruga di una volta è tornata a nuotare negli oceani, e non avendo, anche prima, la corporatura a forma di rettangolo de rigueur per le sportive, c’è sempre qualche parte che tira (di solito sul davanti), la mia vecchia maglietta Patagonia, dicevo, è quanto di meglio l’apparel da outdoor abbia prodotto nel corso degli anni: non sembra plastica, o se preferite non ha quell’aspetto così sintetico che altre hanno, anche della stessa marca, si asciuga in un secondo, non ti si appiccica addosso come il cotone, la appallottoli da qualunque parte – anche in un cassetto strapieno- e va sempre bene. Un mito. Infatti dovendo andare su in montagna con tempo improvvisamente mite, ho infilato la mano nel cassetto, senza guardare (c’era la gatta che ha pessime abitudini urinarie) e lei è venuta magicamente fuori.

Per la cronaca, il paese in cui si è più felici secondo le statistiche è la Finlandia, nel caso la barriera della lingua non vi spaventasse. Per me la Finlandia è il paese di Kaurismaki, e nei suoi film di solito non c’è tutta quella felicità, anche se negli ultimi tempi di è ammorbidito anche lui.

Informazioni su alpslover

camminatrice e scrittrice, insegnante e madre - di - gatto, moglie scoordinata e ricercatrice, vive nel profondo nord.
Questa voce è stata pubblicata in cazzeggio, entr'acte, Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.