Bassa (Valsesia)

Nei primi periodi di zona gialla, quando il tempo era incerto (ora è pure peggio, fa bello quando lavoro ed è terribile nel week end), non sapendo cosa fare e non volendo andare troppo lontano sono andata nel parco del monte Fenera, una di quelle cose elusive, piena di indicazioni che finiscono regolarmente nel nulla. In ogni caso, sono rimasta alle sue propaggini, andando ad esplorare il Castello, o meglio il rudere di un Torrione che si vede oltre Prato Sesia.

Lo avevo visto innumerevoli volte, andando in Valsesia, e alla fine , avendo poco tempo, ho deciso che, una volta tanto, potevo fermarmi. Avrei detto che per la sua vicinanza a cavallo di due paesi sarebbe stato un luogo frequentato da joggersi e sportivi; invece oltre a me, solo il vento, in un pomeriggio di tempo bello e freddo solo un po’ brumoso, come si vede dalle foto.

Guardando su Maps.me avevo visto che si poteva salire lasciando l’auto vicino alla parrocchia di Prato Sesia, e così ho fatto; la via principale interna lastricata non presentava indicazioni su come salire alla chiesa che è proprio al di sopra. Così ho preso la prima strada che andava in salita ( casomai). Infatti dopo un po’ c’era un’indicazione e la strada diventava un sentiero. una breve salita , una svolta a sinistra e il panorama si apriva subito sopra le casa e poi verso il monte Rosa. il sentiero, che fa già parte della riserva naturale del Monte Fenera, prosegue in falso piano sino a Romagnano, oppure si può aggirare il costone e riscendere su Prato Sesia, dietro la Parrocchiale. I castelli del Sopramonte erano orginariamente due; il torrione è ciò che rimane del Castello dei Torrielli, a pochi passi dalla chiesetta dedicata alla natività della Vergine, dopo la quale c’è un belvedere da cui si vede tutta la valle.

Se si consulta il sito http://www.pratosesia.com/Itinerari/Itinerario4/Itinerario4.html I quattro passi per il Sopramonte è l’itinerario n. 4 (persino a Prato Sesia hanno un’informazione turistica migliore di Mandrognistan Ville) Si sale davvero in un quarto d’ora, poi si può camminare a piacere. I locali erano nei due bar del paese a bere, e come dar loro torto?

Informazioni su alpslover

camminatrice e scrittrice, insegnante e madre - di - gatto, moglie scoordinata e ricercatrice, vive nel profondo nord.
Questa voce è stata pubblicata in camminare, Uncategorized, Valsesia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.