Flora…e cemento

Dulcis in fundo rispetto al periodo di Courmayeur, la flora.

Fiori sparsi: Lac Longuet, Lago d’Arpy ( i rododendri), Val Ferret per i gigli martagoni, ovviamente prima della frana finita su tutti i giornali e le tv, con qualche inesattezza ( subito corretta da La Stampa, per fortuna). Commentando dalle immagini, la frana più a valle si trova in una zona già interessata da smottamenti e di raccolta di neve. Poteva anche andare peggio, il che non è una consolazione, ma in un’Italia dove il dissesto idrogeologico è la norma, e l’incuria anche, si può dire che le varie amministrazioni del paese una certa attenzione c’è l’hanno messa. So ovviamente che non è colpa loro, ed eventuali responsabilità da ricercarsi esulano dagli scopi di questo blog turistico escursionistico umoristico, ma l’orrendo palazzone accanto alla funivia della Val Veni, a quale tipo di speculazione appartiene? Passandoci vicino si nota tutta la sua bruttezza e incongruenza, guardandolo dall’alto dalla strada della Val Veny fa ancora più impressione in negativo. Ho scoperto da uno dei gruppi Facebook di Courmayeur (Courmayeur nel bene e nel male) che parecchi residenti la pensano come me, il che per il foresto quale sono ( foresto si fa per dire, considerato che a Courmayeur ci vado dal 1965 anno Domini, quando il buco non era ancora in funzione – il buco essendo ovviamente il tunnel nelle parole del ragionier Salluard nostro padrone di casa), per un foresto quale sono dicevo è una soddisfazione. Peccato però che non significhi molto. Ho notato una gran attività edilizia in paese e dintorni, e considerando che il boom edilizio del passato ha già prodotto un numero più che sufficiente di mostri ( uno per tutti, il palazzone della farmacia di Verrand e non venitemi a dire che “tecnicamente ” non si trova a Courmayeur), e in anni recenti ne ha ancora prodotti come il il super mega hotel al Villair, la domanda che un po’ tutti ci ponevamo era, c’è n’era davvero bisogno – la metà degli alloggi in giro a luglio era chiusa. Spero, ora che è la settimana di ferragosto che la folla si accalchi. Ma basterà davvero? Anche vendere l’anima al diavolo cioè alla Maserati, è poi sufficiente? Necessario parrebbe di sì, pecunia non olet, ma gente se Courmayeur deve diventare come Cortina in estate o come Ischgl in inverno, direi che non basta . Bisogna darsi da fare. Per il primo, organizzare qualcosa di più di qualche conferenza della Fondazione, per la seconda, oltre alle bottiglie di Champagne a 300 € del Super G, ci vuole almeno Lady Gaga ( se non lei, Robbie Williams eJLo a Ischgl ci sono andati). Perché in giro ci sono di nuovo tanti bambini e ragazzi ( noi vecchi mi sa stiamo lasciando questo mondo- non io ovviamente).

Informazioni su alpslover

camminatrice e scrittrice, insegnante e madre - di - gatto, moglie scoordinata e ricercatrice, vive nel profondo nord.
Questa voce è stata pubblicata in attualità, Courmayeur, escursioni, Monte Bianco e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.