Il morbo infuria, il pan non manca, Rosino sventola – bandiera bianca

Scusa, neh, Aleardo, infine sei solo un poeta romantico minore, questo giochino gli inglesi lo fanno con Keats

Lo so manca la bandiera bianca che questa mattina Rosino era più che pronto a sventolare sulla specchiera Biedermaier che fu di mia suocera e prima di lei di qualcuno dei parenti Roggeri più titolati. Il morbo infuria davvero, ottocentomila malati la scorsa settimana, tra cui io. E questa è una buona vecchia vera influenza, non le malattie bronchiali virali parainfluenzali come quella che ho preso lo scorso anno ( due settimane di tosse raffreddore bronchite catarro antibiotici, che se fossi stata la Signora delle Camelie sarei schiattata ben prima di guarire al tiepido sole di Siviglia). Tra l’altro, il tiepido sole dovrebbe suggerirmi qualcosa. No , ripeto, questa è la buona influenza vecchia maniera, nel senso che prima mi è venuta la febbre, poi i dolori muscolari e alle ossa, e oggi, dopo tre giorni, gli annessi e connessi. Mia cugina, che l’ha avuta agli inizi di gennaio, tossisce ancora. Io detesto essere malata, e tenderei a farle in piedi, le influenze, come faceva mio padre, che ricordo benissimo durante gli anni dell'”asiatica”‘ antenata dell’ H1N1 o 3PO, aver fatto il diavolo a quattro per uscire come al solito. Tenderei a farle in piedi, dicevo, se non mi spiaggiassi quasi subito. Mio cugino Beniamino che tra due settimane correrà la Gran fondo di sci nordico con lo zio, ha fatto così, palestra piscina e Gressoney , e nel frattempo ha lasciato in casa qualche germe per buona misura e altri ne avrà sparsi per il mondo. Ma oltre ad avere il fisico bestiale ha anche molti ma molti meno anni di me… E poi a far troppo i gadani un po’ si rischia. E morire d’influenza , o per le sue complicazioni, succede anche adesso. E non per scatenare la diatriba, ma che mi sono vaccinata a fare? Così non mi resta altro che leggere e frenare la squadra di guastatori che si scatenano appena giro il capo. Bandiera bianca. Appunto

Informazioni su alpslover

camminatrice e scrittrice, insegnante e madre - di - gatto, moglie scoordinata e ricercatrice, vive nel profondo nord.
Questa voce è stata pubblicata in altro, attualità e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...