Ciao, Mario

Io sono la figlia dell’altro Mario. E a pensarci bene, non ci potevano essere due persone più diverse. Mio padre, che faceva dell’understatement una religione (noi? eroi? al massimo eravamo dei rubagalline) e Mario, che se doveva scegliere, per qualsiasi cosa, sceglieva la più eclatante evidente esibizionistica. Mario, che è stata una presenza fissa e per la verità quasi clandestina nella mia infanzia, perché arrivava tardi, e poi ripartiva presto (per Moncalieri? o comunque un posto che a me sembrava lontanissimo). Però, con l’evidente attrazione che hanno gli opposti, sono stati amici per tutta la vita (io e sua figlia, per dirne una, siamo diventate amiche molto più tardi e sempre “grazie” a lui): perché sapevano, infallibilmente, da che parte stare.

Ciao, Mario

(Mario Giachero, 1927-2021)

Informazioni su alpslover

camminatrice e scrittrice, insegnante e madre - di - gatto, moglie scoordinata e ricercatrice, vive nel profondo nord.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.