La stagione invernale è già cominciata

Ieri ho approfittato del tempo clemente: molto clemente in Bassa Val d’Aosta c’erano 15 gradi. Non avevo particolari obiettivi; solo, respirare meglio, possibilmente non l’aria umida di pioggia (e il rischio alluvione) di un’intera settimana. Sono andata a Courmayeur, per molte ragioni che sarebbe troppo lungo raccontare adesso , ma soprattutto perché non ci sono più passata dalla scorsa primavera – per andare a Chamonix, tra l’altro – e questa estate l’argent de poche ha consentito una sola vacanza, quella in Austria, appunto. Il tempo era bello, l’autostrada deserta, molta neve sulle cime, diciamo oltre i duemila metri, arrivo a Morgex e Bianco se la dorme sotto le nuvole. Tutta la catena se la dorme sotto le nuvole, per la vertià e dire che al mattino sulle webcam era più sereno che non si poteva. Sino a Planpensieux tutto normale incrocio i due soliti Suv, e mi accorgo, però che di neve ce n’è già, che ai lati della strada uno spartineve li ha ordinatamente ammucchiata un bel po’. A Lavachey parcheggio davanti all’Albergo Lavachey, i Suv parcheggiati sono almeno tre o quattro e dal Golf a lì ho già rischiato di investire una mezza dozzina di persone di ogni età e quasi altrettante carrozzine. C’è neve dappertutto, almeno una ventina di centimetri a occhio e croce. Meno male che prima di partire ho buttato in macchina, oltre al borsone con gli scarponi eil solito corredo, calzettoni guanti berretto sciarpa di pile, anche il sacco con le racchette da neve. Anche lì, senza una ragione particolare, pensavo fosse troppo presto, ma le webcam da giorni facevano già vedere neve un po’ dappertutto. E meno male. Al tornante sopra Lavachey la strada era chiusa, si poteva per la verità camminare anche nella striscia d’asfalto libera, ma che diavolo, le racchette pesano e di neve ai lati ce n’era più che abbastanza. Le ho trascinate sino al primo parcheggio dell’Arnouva superata solo da un quindicenne in orecchino in MTB. Le  giornata aveva dei colori splendidi e ho fatto anche un po’ di foto ( le metto su a giorni). Oddio c’erano un po’ troppi milanesi per i miei gusto (questa la capirebbe papà e Giorgio Bocca e anche Remo, che saluto), ma anche così è stato perfetto.

Nell’attesa dei miei capolavori, fate come me  – ogni mattina o quasi, per linkare le webcam più interessanti

Informazioni su alpslover

camminatrice e scrittrice, insegnante e madre - di - gatto, moglie scoordinata e ricercatrice, vive nel profondo nord.
Questa voce è stata pubblicata in attrezzatura, escursioni, montagna e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.