Genova, sul serio

Lo ammetto, mi è venuta voglia di andare a Genova per Natale perché prima del Covid era stata all’Opera al Carlo Felice ecc. Poi c’era il già citato mercato antiquario (citato due post fa).

Prima cosa da dire – Babbo Natale arriva in nave, se vi capita di incontrarlo. Stavamo uscendo dal parcheggio di Corte Lambruschini, deserto e un po’ inquietante, ma l’unico disponibile in una domenica abbastanza ordinaria e ci è passata davanti la barchetta di Babbo Natale.

Il mercato natalizio di Genova “classico” è nei giardini di Brignole, ed anche lui espressione dell’anima multietnica di Genova (per lo più sudamericana – anche se i venditori di addobbi natalizi erano per lo più cingalesi e magrebini, e le deco come al solito cinesi, ma in alcuni casi molto belle). C’è poi un secondo mercato più chic in piazza Duomo, dietro a DeFerrari, con vin brulè (un must con dieci gradi – quando ci siamo state noi non c’era il solito vento gelido che è l’unica cosa che rende invernale la città di Colombo – ah no, Colombo è nato a Cuccaro) sciarpe e maglioni e mieli.

L’albero in piazza DeFerrari era ancora under construction, come avrete visto dal reel su Instagram : il rumore assordante che si sente è quello della fontana, che produce un rumore simile alle cascate del Niagara.

La prossima volta credo che invece faremo un giro nei vicoli del porto vecchio. Questa volta siamo rimaste nella via del passeggio, per cui se volete vedere delle vere decorazioni natalizie, quelle classiche da commedia americana si trovano da Coin, altre che io ho trovato bellissime le ha il fioraio del Mercato Orientale, quello coperto.

Quella prima domenica natalizia c’era moltissima gente in giro. Probabilmente ora sarà pure peggio. Altrimenti, in alternativa, il porto vecchio era sfavillante di luci, e all’orizzonte si stagliava un transatlantico grande come un intero quartiere…

Quindi…We love Genova (e ancora non sono riuscita ad arrampicarmi sui Forti) – d’altro canto, già da Novi si sente il mare diceva qualcuno. (per chi non ha instagram, qui c’è il video)

Informazioni su alpslover

camminatrice e scrittrice, insegnante e madre - di - gatto, moglie scoordinata e ricercatrice, vive nel profondo nord.
Questa voce è stata pubblicata in camminare in città, Liguria, turismo, Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.