L’anno di Paperino

Quali auguri, per l’ anno di Paperino? Il ridicolo, già ė accanto a noi, sempre. Il drammatico, ce lo ha raccontato Nonno Napo ( che se si svegliava un attimo prima, quando ai più era apparso chiaro che i sacrifici li avrebbero fatti i soliti noti, cioè noi, era sicuramente meglio). Il terribile, sono quelli che nonostante tutto riescono a farsi ammazzare dai botti. Potrei parlarvi dei film che ho visto (lo farò in questi giorni), o della mia super gatta che ormai è più larga che lunga.

Preferisco tornare indietro a quest’estate e alla storia del piccolo stambecco dello Stolemberg, così come me l’ha raccontata la gestrice del bar al passo dei Salati. Il piccolo stambecco zoppicava e tutti i giorni , su consiglio del veterinario di Alagna, la gestrice gli preparava una apposita pappa, e la lasciava in un secchio vicino alla stazione della funivia e lui veniva a mangiarsela mattina e sera e la aspettava. Per dir la verità non erano molto ottimisti… Ma tutti speravano, e quindi mi sembra giusto iniziare l’anno nuovo con la speranza che abbia superato la sua prova.

eccolo qui

eccolo qui

Informazioni su alpslover

camminatrice e scrittrice, insegnante e madre - di - gatto, moglie scoordinata e ricercatrice, vive nel profondo nord.
Questa voce è stata pubblicata in attualità, media, politica, Valsesia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.